Benvenuto! Richiedi subito la Tua Fidelity Card!
Non ci sono prodotti nel carrello
3 Piatti perfetti per il Natale a base di pasta fresca
3 Piatti perfetti per il Natale a base di pasta fresca

Che sia il cenone del 24 o il pranzo del 25, il momento più atteso del natale, dopo lo scarto dei regali, è sicuramente l'abbuffata. Un momento importante nel quale, seduti a tavola con i parenti, si inizia a banchettare gustando innumerevoli portate.

Ma quali sono i piatti che più rispecchiano la tradizione natalizia di Ferrara? Uno fra tutti è sicuramente la salama da sugo, ma noi vi proponiamo tre piatti a base di pasta fresca che proprio non possono mancare sulla tavola natalizia.

Passatelli

Il primo piatto che vi proponiamo sono i passatelli. Una ricetta contadina antica, d'origine romagnola. Inventato in periodo di povertà rurale dalle azdòre per fronteggiare il problema della nutrizione della propria famiglia, veniva preparato utilizzando gli avanzi di cucina, che lo rendono un piatto povero, ma ricco di principi nutritivi.

Un tipo di pasta che va servita in brodo di carne, quello preparato dalla nonna, a abse di pollo e cappone.

I passatelli sono fatti con uova, pane e formaggio. È proprio dal diverso dosaggio di questi ultimi due ingredienti che si distinguono i vari tipi di passatelli. C'è chi li preferisce con più formaggio e chi con più pane. Non importa come li facciate, sicuramente il passatello rimane uno dei piatti tipici della tradizione natalizia ferrarese.

Tagliatelle

Il secondo piatto perfetto per il natale sono le tagliatelle. Preparate con farina di grano tenero, farina di grano duro e uova, le tagliatelle vanno tradizionalmente servite con il ragù.

Si narra che questo tipo di pasta fu inventata da Mastro Zafirano nel 1487. Ispiratosi ai capelli biondi di Lucrezia Borgia, inventò le tagliatelle in onore del matrimonio con il Duca di Ferrara e la bellissima dama.

Questo tipo di pasta si adatta anche ad altri condimenti oltre al ragù. È possibile servirle con un sugo a base di funghi, oppure verdure, come ad esempio le zucchine, l'importante è che il condimento sia sempre abbondante!

Portate questo piatto in tavola il giorno di natale e avrete il consenso di tutti i commensali! Ne siamo sicuri!

Cappelletti

La leggenda racconta che il piatto venne inventato da un oste di Castelfranco Emilia. Si dice che fu ispirato dall'ombelico di Lucrezia Borgia, che incontrò una sera in una locanda e ne spiò le forme attraverso un buco di una serratura. Non riuscì a scorgere nient'altro oltre all'ombelico, ma ne rimase comunque estasiato al punto da riprodurne la forma anatomica inventando il cappelletto.

A Ferrara il cappelletto è il piatto di Natale per eccellenza. Un impasto di farina di grano tenero, di grano duro e uova, famoso in tutt'Italia.

La pasta, una volta tirata e tagliata, viene farcita con il batù, il tipico ripieno del quale ogni azdòra conosce una ricetta diversa, che custodisce gelosamente e tramanda di generazione in generazione. La pasta tirata e riempita di batù viene poi chiusa a mano, assumendo la forma tipica del cappelletto.

Questa pasta fresca viene cotta in brodo di carne e poi una volta servita, condita con del formaggio grana.

Ecco i tre piatti a base di pasta fresca che secondo noi rispecchiano alla perfezione la tradizione natalizia emiliano – romagnola.

Noi di "Il Tortellino Ferrarese" forniamo a privati e ristoranti diversi tipi di pasta fresca. Venite a trovarci per ordinare la vostra pasta fresca e prepararvi all'abbuffata natalizia, o ordinatela direttamente dal nostro sito!