Benvenuto! Richiedi subito la Tua Fidelity Card!
Non ci sono prodotti nel carrello
Prodotti
Nuovi tipi di pasta fresca
Nuovi tipi di pasta fresca

Si sa, l’Italia è la patria della pasta e delle tradizioni che si tramandano da generazioni.

La pasta fresca nasce nel cuore delle nostre cucine ed è caratterizzata da impasti differenti per chi vuole variare la sua dieta o per chi vuole provare qualcosa di nuovo.

 

Pasta fresca integrale

 

È ottenuta impastando semola integrale di grano duro e acqua. Con “integrale”, riferendosi alla  pasta, intendiamo un prodotto ottenuto da un cereale da cui si ricava la semola ma senza raffinazione. Del chicco di grano si utilizzano tutte le parti (crusca, endosperma e germe) e relative qualità. Esistono anche alcune varianti: la pasta integrale di farro, di orzo, avena, mais, e tante altre. Cambiando spesso possiamo evitare una dieta monotona e aumentare l'assunzione di nutrienti utili.

Quali sono i vantaggi?

Avendo come caratteristica un buon apporto di fibre, questo tipo di pasta dona un senso di sazietà maggiore e rallenta l’assorbimento dei carboidrati, utili al nostro organismo in molti sensi: variano dal benessere gastrointestinale, alla riduzione del valore glicemico dell’alimento e del suo apporto calorico. La quantità di fibre può essere anche 5 volte maggiore di quello della pasta bianca e anche l’apporto proteico (circa il 12%) è decisamente superiore. Proprio per quest’ultimo motivo la pasta integrale è un’ottima scelta anche per vegetariani e vegani che a volte assumono nel corso della giornata poche proteine, o per chi segue un regime alimentare controllato. È ricca di vitamine (soprattutto vitamine del gruppo B ed E) e minerali (pressoché assenti nella variante raffinata) oltre che polifenoli dal potere antiossidante.

Pasta fresca senza glutine

La pasta senza glutine è indicata per i celiaci e per chi è intollerante al glutine, ma va bene per tutti. Esistono varie tipologie che andremo a vedere, una cosa importante: per quanto riguarda i celiaci, le paste fresche da evitare sono quelle fatte con la farina di farro, la farina di frumento, la semola di grano duro, la farina di segale, la farina d’orzo e la farina di avena.

Pasta senza glutine con la farina di cereali

Da alcuni cereali senza glutine, come ad esempio la quinoa e l’amaranto, si possono ottenere delle ottime farine, che possono essere abbinate tra loro per preparare non solo il pane o la pasta senza glutine, ma anche per realizzare biscotti e dolci. Con la farina di grano saraceno otteniamo una pasta che può essere utilizzata per preparare i pizzoccheri ma anche per crostate e biscotti.

Pasta senza glutine con la farina di legumi

Si può ottenere da ogni genere di legume essiccato. La farina di legumi più popolare è la farina di ceci. È l’ingrediente che sta alla base di alcune preparazioni regionali salate come la farinata ligure e le panelle siciliane. Le farine di legumi sono adatte da abbinare eventualmente alle farine di cereali soprattutto per la preparazione di piatti salati come gnocchi, pane e grissini.

Se ami le tradizioni amerai anche la nostra pasta fresca in tutte le sue varianti, che puoi utilizzare per toglierti ogni genere di sfizio riguardante la pasta, inoltre puoi sempre accompagnarla con dei sughi per renderla ancora più sfiziosa.